Uil Puglia

Fondo trasporti a rischio, Busto: “Non fare cassa tagliando i diritti fondamentali dei cittadini. Bene il gestore unico infrastruttura e servizi”

“Non si può fare cassa limitando i diritti fondamentali dei cittadini come quello, sacrosanto, alla mobilità. Ci auguriamo che il Governo sappia porre rimedio a quella che consideriamo una vera e propria ingiustizia”.

Lo dichiara Franco Busto, segretario generale della Uil Puglia, esprimendosi sulla legge finanziaria, che prevedendo l’accantonamento e l’indisponibilità sul bilancio dello Stato di due miliardi di euro per assicurare il rispetto degli andamenti tendenziali di finanza pubblica, mette a rischio il fondo destinato ai trasporti.

“Per la Puglia – continua Busto – significherebbe, qualora i conti dello Stato non raggiungessero l’equilibrio nel corso dell’anno, un taglio stimato di circa 24 milioni di euro e, conseguentemente, un inammissibile taglio del servizio di trasporto pubblico regionale, già di per sé distante dalle reali esigenze delle comunità e che, al contrario, avrebbe bisogno urgente di risorse aggiuntive per colmare il gap con tante realtà settentrionali ed europee, da cui la Puglia è peraltro ancora lontana, confinata in isolamento a causa dell’assenza di infrastrutture fondamentali come, solo per citarne un paio, la Bari-Napoli o l’alta velocità sulla dorsale adriatica”.

“Se dovessero concretizzarsi i tagli ipotizzati – attacca ancora Busto – non solo si metterebbero in difficoltà tanti studenti e lavoratori pendolari, senza dimenticare i turisti in costante aumento, che ogni giorno si affidano ai trasporti pubblici su gomma e su ferro per raggiungere le proprie destinazioni, ma si fomenterebbe un incentivo forzato all’utilizzo dei mezzi privati, aumentando sensibilmente il traffico, i disagi e l’impatto ambientale sulle strade comunali e provinciali”.

Infine, Busto manifesta apprezzamento per il percorso avviato dalla Regione Puglia e dall’assessore al ramo Giannini mirato a creare un gestore unico di infrastrutture e servizi.

“E’ l’unica strada percorribile – spiega il segretario della Uil – per efficientare il sistema di trasporto pubblico locale e delle infrastrutture, mettendolo al servizio dell’utenza pugliese e guardando finalmente a modelli europei. L’attuale strutturazione regionale, che vede operare sul territorio ben cinque linee ferroviarie nelle mani di cinque gestori differenti, ha già dimostrato in più occasioni la propria inefficacia e ha messo in mostra pesanti lacune sia logistiche che dal punto di vista della sicurezza, sia dei cittadini che dei lavoratori del settore. E’ una soluzione che non può che trovare la nostra convinta condivisione: auspichiamo, però – conclude Busto – che il processo avviato non preveda tempi biblici, ma che si concretizzi nel minor tempo possibile”.

Commenti terminati

Giornale UIL
Stampa TV
UIL Servizi
UIL Servizi
Politiche del Lavoro

Calendario

<< Feb 2019 >>
LMMGVSD
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 1 2 3
Aree TematicheSettori © 2012 UIL REGIONALE PUGLIA - Tel. 080.5648991 - Fax: 080.5018967 | Collegati | Powered by Laboratorio Com | Creativity on Media