Uil Puglia

Scontro treni nel Leccese: “Non è bastata la strage di Corato: stavolta la Regione Puglia si assuma le proprie responsabilità”

“Esattamente un anno dopo l’incidente di Corato, nel quale persero la vita 23 passeggeri, ci risiamo: ancora uno scontro fra treni, questa volta delle Ferrovie Sud-Est, che solo grazie alla buona sorte, come in altre circostanze, non si è tramutato in strage. Ribadiamo con forza la richiesta avanzata alla Regione Puglia dodici mesi or sono, evidentemente rimasta senza risposta: si proceda con un controllo severo e a tappeto delle misure di sicurezza in dotazione alle ferrovie a gestione privata, chiaramente inadeguate a garantire l’incolumità dei passeggeri, affinché siano potenziate quanto prima con un progetto serio e credibile”.

Aldo Pugliese, Segretario generale della UIL di Puglia, si chiede come mai “le Ferrovie dello Stato abbiano in dotazione tecnologie avanzate in grado di sventare simili incidenti, mentre le ferrovie private pugliesi siano ancora all’età della pietra. Forse non è bastato quanto accaduto a Corato?”.

“L’impressione è che anche stavolta la scusa dell’errore umano cancellerà presto ogni responsabilità istituzionale con un colpo di spugna – continua Pugliese – mentre tutti sanno che le ferrovie private pugliesi non sono sicure e non lo sono da anni. E’ a dir poco incredibile che una regione ad alta vocazione turistica come la nostra debba avere un trasporto su ferro da far west, con scambi gestiti, ben che vada, attraverso la messaggistica telefonica. Eppure pare che a nessuno importi. Dopo l’incidente di Corato, nulla si è più saputo sui milioni di euro che dovevano essere destinati all’implementazione dei sistemi automatizzati di sicurezza, così come da anni le Sud Est portano avanti una politica degli sprechi e degli scandali che però è stata affrontata solo con qualche spot da campagna elettorale o sui titoli dei giornali. E’ il momento di dire basta: non si può mettere quotidianamente a repentaglio la vita di lavoratori, studenti, pendolari e turisti. La Regione Puglia si assuma le proprie responsabilità e convochi subito un tavolo tecnico per fare il punto della situazione, delle risorse disponibili a mettere in sicurezza le linee ferroviarie e degli interventi da effettuare, con tempistiche certe e concrete”.

Commenti terminati

Giornale UIL
Stampa TV
UIL Servizi
UIL Servizi
Politiche del Lavoro

Calendario

<< Dic 2017 >>
LMMGVSD
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Aree TematicheSettori © 2012 UIL REGIONALE PUGLIA - Tel. 080.5648991 - Fax: 080.5018967 | Collegati | Powered by Laboratorio Com | Creativity on Media